Lunedì e lunedì

March 14, 2018

 

Per un libero professionista si dice che non ci siano weekend o giornate di vero riposo. Forse, ma se diamo ragione a questo assunto è altrettanto vero che si può dare un nuovo senso al lunedì: mi piace pensare che quello al Mare Culturale Urbano di Milano del 5 marzo sia stato il modo in cui Food Ensemble ci ha fatto passare un bellissimo venerdì sera - freelance o no.

 

Se mi segui ne hai già sentito parlare e li hai visti attraverso le foto che ho scattato loro nelle varie performance, ma ogni volta è diverso.

Il pubblico È diverso, come succede agli invitati e agli sposi nei matrimoni, che in effetti i matrimoni hanno dei passaggi che, sulla carta, si ripetono ma ognuno è un'esperienza nuova.
Anche gli sposi sono diversi (almeno, nella maggior parte dei casi). Sono diversi LORO di Food Ensemble, che basta un pizzico di polvere di arancia in più per farti sentire qualcosa di differente, come il set che prevede ancora più simbiosi tra synth e fornelli.

 

Una "prima volta" con più preparazione e, paradossalmente, più voglia di scoprire.

 

 

 

Da sempre delle cucine mi stupisce la sincronia dei gesti che si traduce in un unisono di risultati: più mani compongono i piatti, come qui più mani fanno musica, solo con strumenti diversi. E dopo te la puoi anche mangiare.

 

Questo lunedì-venerdì è speciale anche nelle attese di chi li vede per la prima volta; è bellissimo fotografare l'entusiasmo che cresce fra le file di persone sospese fra i profumi che arrivano piano piano, fra lo sfrigolare di una padella e il mescolarsi degli ingredienti nella planetaria mentre i microfoni registrano tutto e lo restituiscono in forma nuova.

 

 

 

È uno spettacolo da vivere, lo vedo anche fuori di me (che dentro sono piena di entusiasmo e sorrido quando vedo qualcuno che sorride). Nelle luci caravaggesche di questa location milanese sono uno specchio. E sono anche orgogliosa di vedere fra il pubblico anche dei volti noti, amici che hanno accettato il mio invito, perché amo condividere quello che mi piace. Sì, la persona "dietro" alla fotografa è sempre ben presente :)

 

Quando gli argini della sorpresa si rompono è un crescendo di appetito, in tutti i sensi. Più musica, più profumi, ogni cosa si intensifica.

 

Quando finisce, è tutto un chiacchiericcio animato come una festa che sa essere di lunedì. Non ho mangiato niente nemmeno questa volta con le mani impegnate sulle macchine fotografiche a scattare, ma che bello poterlo raccontare così.

 

 

La prossima volta, t'invito.

 

G.

Please reload

Post in evidenza

Le spose sono come i libri

July 16, 2018

1/10
Please reload

Post recenti

March 19, 2018

March 14, 2018

October 26, 2017